Puglia, i paesaggi ed il fascino dei tacchi a italiano

Puglia
Questa regione dello stivale italico affascina con borghi medievali, l’architettura e la natura.

Roma, immortale; Venezia, la bella, e di Firenze, la mecca dell’arte. Ma l’Italia è molto di più. La Puglia e la Sicilia sono superiori alle tre città di nome, in quanto, oltre ad avere numerosi monumenti e ricca di storia, sono i padroni di paesaggi naturali unici.Da qualche parte ho letto che l’eleganza delle signore che inizia con la calzatura. Questa bella signora che è l’Italia è orgogliosa con il suo boot famoso di cui la Puglia è il tallone. Situato tra il azulísimos mari Adriatico e Ionio, e di essere in possesso di un suolo carsico, ricco di gesso e calcare, le spiagge rocciose della Puglia allucinante con le loro forme e la ricchezza delle sue rocce e le innumerevoli grotte.

Sulla spiaggia di Pizzomuno, un obelisco di roccia bianca di circa ottanta metri d’altezza che separa i due settori di sabbia incontaminata. Per le spiagge rocciose della accadere di sabbia. La fotocamera sembra di impazzire facendo il loro lavoro.La regione è agricole e le colture di vigneti, uliveti e alberi da frutto che si perdono all’orizzonte e conferiscono al paesaggio idilliaco.La Puglia è la dispensa di Italia. E in quel mare ancora di immenso verde sono sollevato decine di popoli possessori di chiese risalenti al Medioevo. Elenco di monumenti che l’Unesco ha abbracciato La Puglia è lunga. Per questo “tacco dello stivale” passati greci, romani, bizantini, saraceni, aragonese, normanni, francesi, spagnoli. E lasciato il loro segno.

Pizzomuno

Pizzomuno
Il castello di Barletta, di grande e massiccia, è stato teatro di eroismo durante la Prima e la Seconda guerre, resistendo alle feroci attacchi all’aggressione nazista.Vicino a Barletta è di colore Grigio, invece della mitica battaglia tra romani e cartaginesi nell’anno 216 avanti Cristo. La chiesa di Biseglie ha una cripta che deve essere visitato, e vicino al villaggio c’è un dolmen del periodo paleolitico.Bari è famosa, tra le altre cose, per il suo famoso patrono, san. Nicholas, Babbo Natale, di Natale, i cui resti si trovano l’imponente chiesa di stile romanico. Molte delle chiese della zona che appartengono alla più semplice, in stile romanico del XII e XIII secolo.Il barocco di più accattivante fantasia si trova a sud; per la qualcosa, Lecce, spettacolare città, ricca di chiese e palazzi, è stata chiamata la “Firenze del sud”. Questa fioritura artistica ha le sue caratteristiche, perché ha cave di pietra, calda e liscia.Recensione monumenti, chiese e castelli, in ogni città è impossibile qui.

Chiesa di Andría

chiesa di Andría
In una chiesa di Andría c’è una spina della corona che lo hanno inchiodato a Cristo nella testa. Ho potuto fotografare. Diciamo che non c’è le riprese della rosa che miracolosamente flussi dalla punta della spina del venerdì santo a tale data cade il 25 marzo, festa dell’Annunciazione. Essi ci dicono che il prossimo anno potrebbe essere il miracolo.Gallipoli è una bella città sulle rive del mar Ionio, quasi sulla punta del tallone, che è famosa per l’imponente castello, costruito da Carlo d’angiò. La città è distribuito in due parti, la prima, su una piccola isola, e il moderno, sulla terra ferma: entrambe le parti sono unite da un ponte. Ha molti palazzi costruiti tra il XVI e il XVII secolo.Entrambi di Gallipoli, la città sulle rive di un altro mare, l’Adriatico, godere di un incantevole fascino: tutte le strade piccole e strette, che termina nel punto di vista del mare e delle sue spiagge e rocce. Così si da sud a nord: Otranto, Bríndisi, Monopoli, Polignano a mare, Bari, Molfetta, Biseglie, Trani, Barletta, Matinata e Pozzomunno, per citarne solo alcuni.

Un Italia originale

Un Italia originale
Le cupole di Alberobello, in Puglia, grotte abitate di Matera, in Basilicata, considera essenziale il tacco dello stivale.Questo è un viaggio in una terra martoriata negli ultimi anni, ha ritrovato la sua autostima e si è affermato come una destinazione intima dove andare indietro al Mediterraneo mangia era una volta. Se Murgia a terapia, il tuo psicologo direbbe che è il processo di ricerca di sé, per questo motivo, la relazione potrebbe anche essere titolare Quando la Puglia ha incontrato Murgia.

Alberobello

Alberobello
Infatti, la Murgia è una terra che è strano. Un terreno roccioso, il cui carattere, asciutto e al tempo stesso ospitale, ricorda il temperamento della Mancha spagnolo. È in Puglia in Puglia in italiano), il tacco dello stivale italiano, ed è un angolo da scoprire per chi apprezza la sobria bellezza, che è nato in aree tradizionalmente poveri. “Anni fa, se qualcuno avrebbe mandato per la Murgia è che è voluto molto male, era come l’invio di nulla”, dice seduto in un bar di Bari, il presidente del parco nazionale dell’Alta Murgia, Cesare Veronico. Questo campo di colore giallo e verde, situato proprio nel centro geografico della Puglia, ricca di biodiversità, è diventato un parco nazionale nel 2004 e ha ricevuto la certificazione europea del turismo sostenibile.

È anche l’epicentro del nostro viaggio, come la storia del parco è una perfetta metafora del percorso che ha attraversato questa regione, un’area vituperato per diventare una meta del turismo che ha affermato di back-to-basics per gli amanti dei paesaggi, densamente spopolata.Tra gli anni sessanta e novanta Murgia è stata considerata dagli Stati uniti e dal Governo italiano, niente di più che un tappeto, perfetto sotto il quale nascondere la realtà di disagio che nessun altro territorio era disposto ad accogliere. Negli anni sessanta Kennedy Murgia al posto loro missili nucleari indicando la Russia, come risposta alla crisi della Baia dei porci, e negli anni novanta è stato scelto per il deposito dei rifiuti radioattivi.Ma una serie di “marche ” verdi” e di un intenso lavoro della popolazione civile abbia raggiunto la sua riconversione in una zona che cerca di attirare il turismo verde.

Percorso ciclo

Percorso ciclo
La faccia tipica della Puglia, può essere marrone caratteristiche arabizantes come una bionda albanese, un paese così vicino di casa può essere visto dalla riva del mare nelle giornate limpide. E ‘ una terra di multi-colorati, perché qui non ci sono state invasioni di inglesi, francesi, arabi, greci o spagnoli nel corso dei secoli.Filippo Titto è uno dei fondatori dell’iniziativa Ciclo di Murgia e nelle loro escursioni guidate in bicicletta attraverso il parco nazionale dell’Alta Murgia conto della storia naturale e militari enclave. Per colpo di pedale, Titto ci fa comprendere il paesaggio e rivela la verità scomode, che sono ancora nascosti. Nel quartiere dove sono stati smantellati, i missili ancora fare il test di tiro a 100 giorni all’anno, disturbare gli animali e sono riuscito a modificare i luoghi di nidificazione di alcune specie di uccelli. La lotta del parco dell’espulsione dei militari è ancora al suo posto.

Filippo ci darà capire perché le chiamate paretti a secco (muri a secco) sono l’anima del territorio. Ci sarà uno sguardo su tutti i lati a fianco del masserías. Entrambi sono modi di organizzare il territorio in epoca feudale.I muri a secco hanno anche la loro dicendo in dialetto, “Petpet è ctf o pariet”. Nel corso degli anni hanno eretto chilometri e chilometri di pareti in pietre che abbondano nel paesaggio di dividere la terra e a fare gli ovili per le greggi, dal momento che la Murgia è stata un importante luogo di passaggio della transumanza. Essi sono chiamati “a secco”, perché non utilizzare alcun tipo di malta di aderire l’uno all’altro.Se siamo attenti ai dettagli vedremo cose bizzarre come le caviglie di spessore del cavallo murgiano, una gara che il posto che si è adattata alle condizioni del terreno.Tour di Titto ci portano a gustare i prodotti della terra in masserías,che sono le case del paese con vocazione di autogoverno, che ha diviso il potere del territorio in epoca feudale. Alcuni di questi masserías hanno trulli come tetti, costruzione di cono tipici della regione Puglia.